Covid e rientro a scuola, il tormentone dell’estate 2020. Lettera

Stampa
ex

Inviata da Mario Bocola – Ogni anno la scuola d’estate ha il suo tormentone: per quest’anno, tuttavia, di tormentoni ce ne sono più di uno tutti legati alla riapertura delle scuole a settembre.

Allo stato attuale delle cose nessuno sa con certezze se le scuole riapriranno in sicurezza e come sarà l’anno scolastico 2020/2021. A tenere accese le braci sul fuoco sono i banchi monoposto che dovranno garantire il distanziamento tra gli alunni. C’è, d’altronde una querelle al Ministero dell’Istruzione sui modelli di banchi che sono o saranno acquistati secondo le disposizioni del CTS, ma stando ad oggi sembra che questi banchi monoposto siano stati pagati a caro prezzo con i soldi dello Stato e, inoltre, sono dotati alla base di rotelle, quindi sono mobili: motivo questi di disturbo e gioia da parte degli studenti che trasformeranno i banchi in oggetti ludici.

Poi vi è la questione della capienza degli alunni per classe che dovrebbe mettere fine alle classi pollaio, i test sierologici per docenti ed alunni, la misurazione della temperatura che per gli studenti dovrebbe essere fatta dai genitori e per i docenti prima dell’ingresso a scuola. Insomma si sta lavorando al documento sulla sicurezza ma di sicuro non c’è proprio nulla. Intanto il momento della riapertura delle scuole si avvicina sempre più e tutti ancora brancolano nel buio totale. Nel frattempo i contagi del Covid
aumentano per il mancato rispetto dell’utilizzo delle mascherine e la movida che imperversa nelle città italiane. Staremo a vedere cosa accadrà, ma le previsioni sembrano non essere rosee.

Stampa

Acquisisci le indispensabili competenze sulla Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un ciclo formativo tecnico/pratico