Covid, De Luca: “Immagini degli assembramenti mettono i brividi, ci vogliono più controlli”

Stampa

“Le immagini che abbiamo visto in  Campania, ma un po’ in tutta Italia, hanno dato i brividi. Un  rilassamento totale di domenica mattina con migliaia di ragazzi, gran  parte senza mascherina, qualche grande città della Campania  completamente abbandonata a sé stessa. In questa situazione è  inevitabile tornare in zona arancione e, se non stiamo attenti, in  zona rossa”.

Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso di una diretta Facebook.

“Ad oggi – ha aggiunto De Luca – dobbiamo ribadire che le scelte nazionali sono state diverse da quelle che avremmo fatto come Regione Campania. Il Governo precedente ha scelto la logica delle mezze
misure, la logica delle diverse zone e della rincorsa all’epidemia anziché quella della prevenzione dell’epidemia. Questa è una logica che a mio parere continuerà a produrre incertezze, a mettere a dura prova il sistema nervoso degli italiani.  Continuiamo ad andare avanti così, stop and go. Un autentico calvario. Il dato che resta impressionante in Italia è che i controlli sono diventati ormai inesistenti. Non troviamo più per strada una pattuglia di polizia municipale, di Stato, Carabinieri o Finanza impegnata nel controllo anti Covid. Questa è la realtà”.

E ancora: “Mi pare di aver capito che si tolgono di mezzo alcune stupidaggini previste dal Commissario alla sanità come le Primule, cioè questi edifici prefabbricati assolutamente inutili. Peggio dei banchi a rotelle. Mi permetto di rivendicare un qualche merito nell’avere bloccato – se così sarà – l’Operazione Primula. 10 milioni di euro buttati a mare e che potrebbero essere dati al personale sanitario e infermieristico come incentivo nella battaglia nell’impegno anti-Covid”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur