Covid, Crisanti: “Guardare i dati, numero di terapie intensive alto. Non si può riaprire in maniera maldestra”

Stampa

Una roadmap sulle riaperture in Italia “penso che giovi a tutti per la serenità. Ma dobbiamo riflettere sui numeri, perché l’Inghilterra ha riaperto con 30 morti al mese e con il 65% della popolazione vaccinata: io penso che una differenza con noi ci sia”.

Così Andrea Crisanti direttore di Microbiologia e Virologia dell’universita’ di Padova, ad Agora’ su Rai Tre.

“Bisogna tener conto degli errori che abbiamo fatto l’anno passato – ammonisce – quando abbiamo sbagliato con alcune riaperture. Occorre guardare i numeri: che ora ci dicono che il tasso delle terapie intensive è alto. Non si può riaprire in maniera maldestra”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur