Covid, Costarelli (ANP): “Con la Dad meno ore di lezione. Recuperare con lezioni estive retribuite ai docenti volontari”

Stampa

Mentre il Ministero dell’Istruzione sta predisponendo un piano di recupero estivo dedicato principalmente alle attività extrascolastiche e ai recuperi di socialità, la dirigente scolastica del liceo scientifico Newton di Roma, Cristina Costarelli, vice presidente dell’ANP Lazio, pensa che qualcosa sia andato perduto con la Dad e dunque bisogna trovare il modo di recuperare.

Su La Repubblica, la preside spiega: “Due i binari su cui muoversi per intervenire con contezza sugli effetti della pandemia – spiega la Costarelli –, far fronte alle carenze di apprendimento dei ragazzi, anche in estate, ma senza trasformare le attività delle scuole in centri estivi, e agire sulle conseguenze della riduzione degli orari che è stata inevitabile nell’utilizzo della Didattica a distanza”.

La lezione in Dad sincrona – continua la vicepresidente ANP Lazio – dura materialmente almeno 10 minuti in meno: in numerosi istituti 50 minuti, anziché 60. Ma 50 minuti a distanza sono 40 effettivi. A conti fatti, dunque, si è verificata una contrazione del monte ore complessivo”.

Ecco perchè secondo Costarelli bisogna recuperare con lezioni estive da retribuire ai docenti che vorranno svolgerle. A patto che i locali scolastici lo permettano. “D’estate, gli ambienti – aggiunge la preside – raggiungono temperature invivibili e serve una soluzione: attivare una convenzione fra scuole e i principali ministeri del governo per ampliare gli spazi a disposizione” o per dotarli di condizionatori d’aria”, conclude la preside.

Scuole aperte d’estate, solo recuperi di socialità: per gli apprendimenti la DaD è stata sufficiente [ESITO SONDAGGIO]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur