Covid, Conte conferma: “A Natale ci sarà una nuova stretta. Dobbiamo scongiurare la terza ondata”

Stampa

Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte conferma che per il periodo natalizio ci saranno misure ad hoc che andranno ad irrigidire le attuali regole previste.

Abbiamo già predisposto un piano dedicato alle festività natalizie, anche alla luce dei suggerimenti del Comitato Tecnico Scientifico. Ora si rende necessaria qualche ulteriore misura restrittiva. Ci stiamo riflettendo in queste ore. Dobbiamo scongiurare a ogni costo una terza ondata, perché sarebbe devastante anche sul piano della perdita di vite umane”, dice il premier Conte in un’intervista a La Stampa.

Il governo teme la terza ondata: così non si possono riaprire le scuole il 7 gennaio

In merito agli assembramenti e alle file per lo shopping, che ha suscitato molte polemiche, Conte lancia un appello agli italiani: “Siate responsabili. Noi abbiamo fatto una scelta ben precisa, dettata anche da esigenze sociali ed economiche: consentire ai cittadini di rispettare la bella e consueta tradizione di acquistare e scambiare i regali”. 

Tuttavia, “questa opportunità si deve accompagnare a un rigoroso rispetto delle regole da parte di tutti. Questo vale sia per le norme di legge, sia per le cosiddette raccomandazioni. Ad esempio, abbiamo chiesto agli italiani, nei festeggiamenti in casa, di evitare di ricevere persone abitualmente non conviventi. Ovviamente queste sono regole non vincolanti, perché non possiamo dettare i comportamenti nelle case private. Ma sono comunque essenziali, per tutelare la salute di tutti. E quando leggo di persone che si stanno adoperando per organizzare feste clandestine a Capodanno, beh, questo fa male. Chi partecipa a questi veglioni proibiti mette a rischio se stesso, i propri cari, i propri amici e tutte le persone a cui dice di volere bene. Per questo ripeto agli italiani: non lo fate, ve ne prego“.

 

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese