Covid, con le nuove regole da lunedì 24 maggio 9 regioni potrebbero essere in zona bianca: ecco quali

Stampa

Il governo prepara un nuovo decreto Covid sulle riaperture. Lunedì 17 maggio ci sarà la Cabina di regia per decidere le nuove misure che saranno approvate la prossima settimana dal Consiglio dei Ministri.

Le Regioni e il Governo stanno mettendo al punto nuovi parametri per il sistema a colori. Sotto i 50 contagi settimanali ogni 100 mila abitanti si va in fascia bianca, tra i 50 e i 149 in giallo, tra i 149 e i 249 in arancione, oltre in rosso lockdown.

A partire dal 15 giugno entra in campo anche il tasso di occupazione dei posti letto in ospedale. Se l’incidenza fluttua tra 150 e 149 con oltre il 30% dei posti occupati in terapia intensiva e il 40% nei reparti di medicina scatta il cartellino rosso. Se al contrario gli indici di occupazione sono rispettivamente sotto il 20% e il 30% si è promossi in giallo.

Così come segnala La Stampa, per evitare che qualcuno faccia il furbo riducendo il numero di tamponi per avere meno casi, la proposta regionale, già mediata da Speranza, prevede anche un minimo di test da effettuare in rapporto alla popolazione: almeno 500 tamponi al giorno ogni 100 mila abitanti se l’incidenza dei casi è pari o superiore a 250; 250 tamponi se è compresa tra 150 e 149; almeno 150 test quando l’incidenza è da zona gialla e 100 quando si è sotto i 50 casi settimanali.

Con la situazione attuale, sarebbero 9 le regioni che entrerebbero in zona bianca: Sardegna, Molise, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Liguria, Trentino Alto Adige, Veneto, Umbria e Lombardia.

Cosa succede nella zona bianca

Nella zona bianca le scuole sono tutte aperte e sempre in presenza, bar e ristoranti funzionano anche al chiuso e alla sera, fermo restando il metro di distanziamento e l’obbligo di mascherina quando ci si sposta dentro il locale. Aperte anche palestre e piscine, via libera ai banchetti di nozze e shopping nei centri commerciali anche nel weekend. In quest’area cade il divieto di uscita notturna dalle 22 alle 5.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur