Covid scuola, aumento consistente di positivi e di incidenza in età scolare. Dati ufficiali ISS. Il report delle scuole sentinella [PDF]

WhatsApp
Telegram

L’Istituto Superiore di Sanità, prima delle vacanze di Natale, ha pubblicato sul proprio sito una pubblicazione di analisi in merito alla circolazione del Covid-19 nelle scuole primarie e secondarie di primo grado.

REPORT COMPLETO [PDF]

Si tratta dei dati provenienti dalle scuole sentinella di ogni provincia. Le cifre sono caricate in modo volontario da ogni scuola sentinella su una apposita piattaforma web disegnata.

Secondo i primi dati raccolti, si registra, nell’ultimo periodo (fine ottobre-inizio dicembre) un aumento della percentuale di positività nelle ultime due sessioni rispetto alle precedenti e un aumento dell’incidenza in età scolare, come evidenziato dalla Sorveglianza Integrata Covid-19.

I tecnici dell’ISS, però, avvertono: il sistema di monitoraggio, che è basato sulla volontarietà della partecipazione da parte delle scuole e degli studenti, apre alla possibilità di una distorsione causata dalla prevalente adesione di persone che hanno una maggiore propensione a comportamenti virtuosi.

Il sistema di monitoraggio, infatti, prevede il coinvolgimento di alcune scuole sentinella, che aderiscono su base volontaria. Tale sistema può far sì che venga monitorata la circolazione del virus solo in alcune zone, in base al comune e alla provincia di appartenenza delle scuole aderenti al monitoraggio, restituendo un quadro parziale della circolazione virale sul territorio nazionale.

Ricordiamo che il monitoraggio ha avuto inizio in concomitanza dell’avvio dell’anno scolastico 2021-2022 attraverso l’offerta gratuita di test diagnostici ad un campione di scuole primarie e secondarie di primo grado utilizzando test molecolari (RT-PCR) su matrice salivare.

Prossimo aggiornamento sarà previsto per metà gennaio.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito