Covid, ancora Sasso: “Le restrizioni non hanno più ragione di esistere dopo il 31 marzo”

WhatsApp
Telegram

Il sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso, su Facebook, ritorna sulla questione dello stato di emergenza, in scadenza al 31 marzo.

“Il presidente del Consiglio ha ribadito che lo stato d’emergenza legato al Covid terminerà il 31 marzo: una decisione per la quale è risultato fondamentale il lavoro della Lega e del segretario Matteo Salvini. Siamo sempre stati gli unici all’interno del Governo a premere in questa direzione e dubito fortemente che se fossimo stati all’opposizione saremmo stati più incisivi. I dati sanitari in costante miglioramento hanno convinto anche i più riottosi sull’opportunità di cambiare l’approccio in questa fase della pandemia, così come chiedevamo da tempo”, afferma.

“Gli italiani, che in questi due anni hanno dimostrato un profondo senso di responsabilità e una pazienza infinita, ora ci chiedono di tornare alla normalità e noi siamo con loro. L’attenzione non dovrà mai venire meno, soprattutto a tutela delle persone più fragili, ma la nostra comunità si è meritata sul campo il diritto a una quotidianità lavorativa, scolastica e sociale più serena. Con la cessazione dello stato d’emergenza al 31 marzo via anche le limitazioni e le restrizioni che adesso non hanno più ragione di esistere”, conclude.

Covid, cosa cambia per la scuola dopo il 31 marzo: le ultime notizie

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur