Covid-19, Vaia: “Occorre vaccinare quanto prima studenti delle superiori e docenti”

WhatsApp
Telegram

Per il direttore sanitario dell’Ospedale Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, occorre fare presto sulle vaccinazioni.

“Non esistono i demiurghi, né i deus ex machina. Dobbiamo andare avanti con le vaccinazioni, sapendo che bisogna aspettare un mese dalla prima dose perché la fiala faccia effetto. E dobbiamo intervenire nei punti di snodo importanti, come la scuola. Bisogna quanto prima vaccinare gli studenti delle superiori, tenendo conto che il vaccino Pfizer può essere inoculato dai 16 anni in su, il corpo docente e non docente. È un’azione strategica”.

Poi aggiunge: “Non esistono ondate. Esiste un virus che è in mezzo a noi dal 29 gennaio, il giorno del ricovero allo Spallanzani della coppia cinese, o forse anche da prima. Da allora non se ne è mai andato. In base ai comportamenti e alla stagione c’è un riacutizzarsi della pandemia. Ora siamo in inverno, che è il periodo privilegiato delle malattie respiratorie. Fa freddo e piove. Gli anziani si ammalano. Quest’anno non si ammalano di influenza, perché abbiamo inoculato molti più vaccini antinfluenzali e abbiamo adottato misure di contenimento contro il Covid, e si ammalano di coronavirus”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur