Covid-19, Turi (Uil Scuola): “Azzolina comunichi periodicamente i veri numeri del monitoraggio”

Stampa

“C’è qualcosa che non quadra nella comunicazione del ministero dell’Istruzione. Si continuano a dare indicazioni, a pianificare attività e progetti sulla base di numeri fermi al 26 settembre mentre i numeri dei contagi e delle situazioni di difficoltà delle scuole sono in crescita sensibile. Ad essere coinvolti sono insegnanti, studenti, e le loro famiglie, in un meccanismo a raggiera che moltiplica gli effetti quotidiani del disagio”.

“Sono giornate piene di richieste preoccupate da parte del personale, delle famiglie in una confusione di messaggi contradditori che aumentano i sospetti. Questa pandemia si può superare solo insieme e condividendo la realtà, bella o brutta che sia – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi. Sarebbe un guaio se si insinuasse il sospetto che si sta cercando di curvare i numeri per ragioni, anche nobili, di natura istituzionale tese a dare messaggi tranquillizzanti”.

“Per dare rassicurazioni bisogna aprire gli armadi e rendere trasparente la situazione. Sarebbe bene che il ministro, non dico ogni giorno – propone Turi – ma con una periodicità fissa, facesse conoscere i numeri del monitoraggio che ha attivato nelle scuole e che consente di dare i dati in tempo reale. La preoccupazione che ci viene raccontata ogni giorno ci sta portando a attivare un nostro monitoraggio – aggiunge Turi – proprio per capire le dimensioni reali del disagio – sia sanitario, sia di conseguenza organizzativo nelle scuole”.

“Meglio sarebbe lavorare con numeri ufficiali, e su quelli predisporre interventi coordinati. E si potrebbe fare agevolmente se fosse convocato il Tavolo nazionale costituito per questo – osserva Turi. Continuare a spanne, senza convocarlo fa aumentare il sospetto che si voglia tanto – ancora una volta – fare e disfare in assoluta solitudine, ma così non si esce dal problema, si aggrava”.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa