Covid-19, stato di emergenza: Governo vuole proroga al 30 aprile. Il Cts chiedeva fino al 31 luglio

WhatsApp
Telegram

Nella seduta di mercoledì 13 gennaio hanno avuto luogo le Comunicazioni del Minitro della Salute, Roberto Speranza, sulle ulteriori misure per fronteggiare l’emergenza da Covid-19.

Fra le comunicazioni del Ministro Speranza, c’è anche quella relativa allo stato di emergenza che il governo intende prorogare fino al 30 aprile 2021: “Quando tutti i parametri peggiorano contemporaneamente abbiamo l’obbligo di prendere nuove misure e il governo ritiene inevitabile prorogare al 30 aprile stato di emergenza“.

In realtà, l’idea del Comitato Tecnico Scientifico sarebbe diverso: prorogare lo stato d’emergenza fino al 31 luglio. Secondo gli esperti, quattro sono gli elementi che consigliano il prolungamento di altri sei mesi, in modo da poter gestire la situazione con strumenti emergenziali: l’impatto ancora alto del virus sull’occupazione dei posti letto ospedalieri, la campagna vaccinale, la preoccupante situazione internazionale e la possibile sovrapposizione dell’influenza stagionale con il Covid. Per adesso, tuttavia, il Governo ha previsto lo stato di emergenza al 30 aprile.

Nuovo DPCM: 11 regioni verso l’area arancione. Giovedì alle 9.30 vertice per le nuove misure. Tutti gli ultimi aggiornamenti

 

Stato di emergenza, cosa significa

Lo stato di emergenza può essere dichiarato al verificarsi o nell’imminenza di calamità naturali o eventi connessi all’attività dell’uomo in Italia. Può essere dichiarato anche in caso di gravi eventi all’estero nei quali la protezione civile italiana partecipa direttamente.

Il Codice della Protezione Civile (Decreto legislativo n. 1 del 2 gennaio 2018), ridefinisce la durata dello stato di emergenza di rilievo nazionale, portandola a un massimo di 12 mesi, prorogabile di ulteriori 12 mesi.

Il Consiglio dei ministri può deliberare lo stato di emergenza nazionale, senza necessità di passare per il Parlamento, per gli eventi calamitosi di tipo C. In Italia, infatti, tali eventi sono classificati in 3 tipi in base a estensione, intensità e capacità di risposta del sistema di protezione civile: il tipo A prevede una direzione degli interventi a livello comunale, il tipo B a livello provinciale e regionale, il tipo C a livello nazionale. 

Lo stato di emergenza può essere dichiarato dal Consiglio dei ministri anche come misura preventiva, ovvero “al verificarsi o nell’imminenza di calamità naturali o eventi connessi all’attività dell’uomo in Italia”. Può inoltre essere dichiarato in caso di “gravi eventi all’estero nei quali la Protezione civile italiana partecipa direttamente”.

Allo scadere dello stato di emergenza viene emanata un’ordinanza “di chiusura”, che disciplina e regola il subentro dell’amministrazione competente in via ordinaria e quindi il ritorno alla normalità.

Nuovo DPCM, Speranza: “Confermiamo il sistema a fasce. Stato di emergenza fino al 30 aprile” [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur