Covid-19, Ricciardi: “Chiederò a Speranza lockdown totale con la chiusura delle scuole”

Stampa

“È urgente cambiare subito la strategia di contrasto al virus SarsCov2: è necessario un lockdown totale in tutta Italia immediato, che preveda anche la chiusura delle scuole  facendo salve le attività essenziali, ma di durata limitata”. Così all’ANSA Walter Ricciardi, consigliere scientifico del Ministro della Salute per la pandemia da Coronavirus

Oltre a ciò, “va potenziato il tracciamento e rafforzata la campagna vaccinale”. “È evidente – avverte – che la strategia di convivenza col virus, adottata finora, è inefficace e ci condanna alla instabilità, con un numero pesante di morti ogni giorno”.

“Ne parlerò col ministro Speranza questa settimana”, ha annunciato.

 “In questo momento le attività che comportino assembramenti non sono compatibili con il contrasto alla pandemia da Covid-19 in Italia ed gli impianti da sci rientrano in tali attività. Non andrebbero riaperti. Non dimentichiamo – ha sottolineato Ricciardi – che la variante inglese è giunta in Europa proprio ‘passando’ dagli impianti di risalita in Svizzera”.

Poi all’AGI specifica: “Immediato lockdown ‘intenso e limitato nel tempo’, ma il lockdown totale può funzionare solo se accompagnato da una ripresa dei test e del tracciamento quando i casi saranno meno di 50 per 100mila, e da una vaccinazione a tutto spiano. Funziona solo se si perseguono queste tre cose insieme”. 

“Non ho parole. Non se ne può più ‘esperti’ che parlano ai giornali, seminando paure e insicurezze, fregandosene di tutto e tutti. Confidiamo che con Draghi la situazione torni alla normalità”. Con queste parole il segretario della Lega Matteo Salvini, interpellato da Affaritaliani.it, commenta le parole di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, che ha affermato che chiederà a Roberto Speranza un lockdown totale con la chiusura anche delle scuole.

Covid-19, per la scuola è allarme variante inglese

Per la scuola, dunque, scatta un nuovo allarme: la variante inglese del virus che potrebbe ostacolare la normale attività scolastica in presenza. Su questo punto, la posizione del Comitato tecnico scientifico è molto netta: “Se anche nel nostro Paese si evidenzierà che ragazzi e bambini sono portatori certamente si deve chiudere, anche se questa prospettiva mi provoca un grande dolore”, ha sottolineato il coordinatore del Cts, Agostino Miozzo.

Varianti Covid-19, se ci sono rischi le scuole devono chiudere. Lo ha detto Miozzo (CTS)

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur