Covid-19, pericolo variante inglese sulle scuole. L’ipotesi: elementari e asili chiusi nelle zone rosse

Stampa

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, è stato chiaro: la riapertura delle scuole deve essere effettuata al 100%, ma sugli istituti incombe il pericolo della variante inglese con il rischio di nuove chiusure. 

La variante inglese del Covid-19 volpisce anche i bambini più piccoli contrariamente a quanto è successo finora con il virus. Anzi: questa volta i più a rischio sarebbero proprio i bambini della fascia 0-9, secondo quanto è emerso nelle riunioni del Cts..

Il vero nodo sembrano essere diventate le elementari, che nei mesi scorsi – tranne che in Campania e in Puglia – erano rimaste sempre aperte.

In Campania, l’esplosione di nuovi casi  ha già acceso un nuovo scontro fra il governatore Vincenzo De Luca – subito pronto a richiudere le scuole – e il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, favorevole al massimo a interventi circoscritti e mirati.

Mentre in Puglia l’assessore alla Salute Pierluigi Lopalco ha annunciato nelle ultime ore l’intenzione di mettere nuove restrizioni per la scuola “perché il virus colpisce i più giovani”, ma ha precisato che resta in attesa di nuove indicazioni dal governo “perché la situazione pugliese è analoga a quella di tutte le regioni italiane dove le nuove varianti si stanno diffondendo”.

Stampa

Sogni d’insegnare all’estero? Scegli come requisito d’accesso alle prove il corso di interculturalità di Eurosofia