Covid-19, ordinanza per province di Pescara e Chieti in zona rossa

Stampa

Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, sta per firmare un’ordinanza che colloca in zona rossa le province di Chieti e Pescara e in arancione quelle di L’Aquila e Teramo.

All’origine del provvedimento, in corso di predisposizione, l’aumento dei contagi e le valutazioni del Gruppo tecnico scientifico regionale riunitosi stamani.

Il Pescarese e il Chietino e, in particolare, l’area metropolitana, stanno facendo registrare un repentino incremento dei contagi.

Si stima che nella zona il 50 per cento dei casi sia riconducibile alla variante inglese.

Le nuove restrizioni entreranno in vigore da domenica 14 febbraio.

Nella mattinata di oggi il sindaco di Chieti Diego Ferrara ha predisposto un’ordinanza che prevede la sospensione delle attività didattiche in presenza anche per le scuole primarie e secondarie di primo grado (nido comunale, scuola dell’infanzia, scuola elementare, scuola media) a partire dalla giornata di domani, sabato 13 febbraio, fino al 27 febbraio compreso. Il personale amministrativo e non docente resta operativo nelle sedi scolastiche. Una decisione condivisa con il tavolo di monitoraggio della Prefettura, a fronte della riunione avuta stamane.

“Si tratta di una misura che reputo necessaria a fronte dell’innalzamento della situazione dei contagi nella nostra città, ma soprattutto nell’area metropolitana di cui Chieti è parte integrante – così il sindaco Diego Ferrara – Oggi abbiamo un numero di positivi pari a 79 e 60 quarantene, riferiti alla giornata di ieri, in questi giorni i contagi stanno crescendo e sono per la maggior parte asintomatici o paucisintomatici, cioè sono infetti ma senza sintomi. La nostra provincia è seconda solo a Pescara per incidenza del virus, un indice che affiora da una ricerca di Riccardo Persio, un dottorando che dall’inizio della pandemia misura le statistiche e ci pone 98esimi nella classifica delle 107 province con un numero di contagi pari a 233.6 ogni 100.000 abitanti. Dall’inizio della Pandemia Chieti ha avuto in tutto 1.478 casi e 35 vittime, stando alla relazione Asl che data 7 febbraio, sono comunque numeri che letti insieme ci dicono che questo è un momento delicatissimo. Per evitare la terza ondata bisogna prendere il coraggio fra le mani e fare ognuno la sua parte. Nelle scuole si stanno manifestando contagi eterogenei, cosa che ci porta a intuire che non sono un cluster, bensì che il virus arriva da fuori dagli ambienti scolastici, dove, però, rischia di propagarsi se non prendiamo in mano la situazione”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur