Covid-19, scrutini e altre riunioni ancora online almeno fino al 5 marzo. È corretta la presenza a scuola solo di Coordinatore e Segretario?

Stampa

Il DPCM del 14 gennaio contiene le nuove misure per il contenimento della diffusione del COVID-19 e ha anche delle ripercussioni anche per il mondo della scuola.

Per quanto riguarda le riunioni degli organi collegali, esse potranno svolgersi a distanza. È vietato, dunque, svolgere in presenza le riunioni dei consigli di classe, di interclasse e di istituto e i collegi dei docenti.

Le disposizioni del Dpcm sono efficaci fino al 5 marzo.

N.B. Alcuni Collegi docenti hanno già deliberato lo svolgimento delle riunioni di organi collegiali per tutto l’anno scolastico 2020/21. Questi ultimi potranno eventualmente modificare la delibera qualora dopo il 5 marzo dovesse esserci il via libera a riunioni in presenza.

Un nostro lettore chiede

io in qualità di coordinatore ed il collega segretario verbalizzante dovremo a fine gennaio, essere fisicamente presenti in un aula a scuola insieme al Dirigente scolastico allo svolgimento dello scrutinio della nostra classe. Gli altri colleghi invece saranno collegati in videoconferenza. È corretta la disposizione del Dirigente?

Il DPCM  non dice nulla in proposito e il Ministero dell’istruzione sintetizza “Le riunioni degli organi collegiali potranno svolgersi a distanza”.

In realtà, soprattutto se ci si trova in regioni caratterizzate da zona rossa, non si veda quale possa essere la necessità di avere in presenza alcuni docenti. Lo scorso anno scolastico gli scrutini finali si sono svolti interamente online, nel rispetto di tutte le norme previste. Tra l’altro, in una situazione in cui si parla di emergenza sanitaria, risulta quanto meno discutibile che il ruolo attribuito (e non scelto) di Coordinatore o segretario del Consiglio di classe debba comportare delle differenze rispetto alla presenza nel luogo di lavoro rispetto ai colleghi.

TESTO UFFICIALE

ALLEGATI

Riapertura scuole superiori, al via per oltre 640 mila studenti. La situazione regione per regione

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur