Covid-19, Lazio zona gialla da domenica 31 gennaio? C’è ipotesi slittamento di una settimana

Stampa

La Regione Lazio potrebbe tornare domani in zona gialla, dopo due settimane in arancione, ma non è sicuro che l’automatismo scatterà.

Non è escluso che il ministero della Salute adotti un’interpretazione più restrittiva dell’ultimo Dpcm che regola appunto i meccanismi del cambio di colore.

Il Lazio, la scorsa settimana, aveva un indice Rt di 0,94, e in questa, sempre secondo quanto appreso, si sarebbero registrati ulteriori miglioramenti. Non solo: tutti gli indicatori di rischio sono in diminuzione (incidenza, ricoveri ecc.), e la classificazione complessiva del rischio già la settimana scorsa era moderata, anche se “ad alto rischio di progressione a rischio alto”.

Per entrare in zona gialla servono sostanzialmente un Rt sotto 1 e un rischio moderato.

Si prevedono almeno due settimane in arancione (o in rosso) prima di poter aspirare a misure meno restrittive, quindi tutti confidavano sul fatto che il report di domani avrebbe portato al ritorno nella fascia meno “dura”.

Tuttavia, nelle ultime ore circola l’ipotesi di un’altra interpretazione, che farebbe partire le due settimane canoniche non dal giorno dell’ultima ordinanza più restrittiva (nel caso del Lazio, il 15 gennaio) ma da quando si hanno effettivamente valori da zona gialla.

Potrebbe slittare dunque fino a 7 giorni la “promozione” del Lazio.

Covid-19, Friuli Venezia-Giulia, Emilia Romagna e Veneto “rosso scuro” nella cartina europea dei contagi

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur