Covid-19, la scuola non è responsabile della seconda ondata. Lo dice uno studio di MedRxiv

Stampa

Un altro studio andrebbe a confermare che la scuola non avrebbe inciso particolarmente sulla seconda ondata covid.

Mentre l’Istituto superiore di Sanità non si sbilancia sul ruolo della scuola sui contagi covid, arriva una risposta da uno studio effettuato condotto attraverso dati raccolti dal sistema di rendicontazione nazionale istituito dal Miur tra il 12 settembre e il 7 novembre 2020, pubblicato, in forma preprint, nelle scorse settimane sulla piattaforma MedRxiv.

Secondo lo studio, non c’è evidenza di correlazione tra l’apertura delle scuole e la seconda ondata pandemica in Italia, tanto che l’incidenza di positività al Coronavirus tra gli studenti italiani (108/10.000) è stata inferiore a quella registrata nella popolazione generale, indipendentemente dalla tipologia di istituto considerata.

Invece, tra gli insegnanti e il personale non docente l’incidenza è stata due volte superiore a quella della popolazione generale (circa 220/10.000).

Il database ministeriale utilizzato contiene i dati sulla positività da Covid provenienti da 7.976 istituti scolastici pubblici (97% del totale), pari a 7.376.698 studenti, 775.451 insegnanti e 206.120 dipendenti.

In base ai risultati, si legge sul sito dell’Ars della Toscana che riporta una sintesi tradotta in italiano dello studio, “gli autori sostengono che anche durante il picco della seconda ondata negli istituti scolastici gli studenti sono risultati meno infetti degli adulti e, nel complesso, a fronte di un tasso di positività molto basso tra gli studenti, il sistema di quarantena è stato molto diffuso. Inoltre gli autori suggeriscono che la ricerca dei contatti secondari dia luogo a un numero elevato di tamponi per contatto, soprattutto quando il caso indice è uno studente, superiore alla media nella popolazione generale“.

Lo studio evidenzia inoltre la mancanza di una relazione temporale tra l’apertura delle scuole e l’aumento del valore Rt. Gli autori concludono infatti che “i dati non dimostrano un’associazione diretta tra la riapertura della scuola e l’aumento dell’indice Rt analizzato su base regionale“.

 

I risultati dello studio sono piuttosto simili nelle conclusioni a quelle del centro Europeo per il controllo delle malattie, che ha anch’esso chiarito come la scuola non è stato il motore di contagio nella seconda ondata.

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio