Covid-19, la proposta di Cuzzupi (Ugl Scuola): “Gli istituti come sedi per vaccinare il personale scolastico”

WhatsApp
Telegram

Ornella Cuzzupi, Segretario Nazionale UGL Scuola, prendendo atto della situazione contagi nel Paese e il rischio derivante dalle varianti che si stanno manifestando, non ha alcun dubbio sul come occorre procedere nell’ambito del comparto Scuola.

“Tergiversare ancora è un rischio nel rischio, una vera sciagura nella lotta al diffondersi del virus e al suo continuo mutarsi. La scuola, come abbiamo visto, può rivelarsi un’enorme cassa di risonanza per i contagi. Questo pericolo va subito limitato e per farlo non resta che avviare in maniera immediata la campagna di vaccinazione per il personale scolastico docente e non docente”

L’idea del Segretario Nazionale è quella di indirizzare attraverso una più agile metodologia, le vaccinazioni nel settore: “Occorre, come tra l’altro richiesto da alcune regioni, mettere subito a disposizione delle strutture competenti le liste del personale che opera nelle scuole e stilare un calendario veloce per avviarle. Inoltre, considerando come molti istituti già son chiusi o limitati nella presenza, basterebbe coordinarne la chiusura per farne sede di vaccinazione per il personale di riferimento, il tutto per il solo tempo necessario e con il prosieguo, nel frattempo, della didattica a distanza per non perdere alcuna lezione. In tal modo le stesse chiusure avrebbero un senso funzionale”.

“Questa operazione – continua Cuzzupi – andrebbe anche nella direzione auspicata dal Primo Ministro nel suo discorso al Senato, limitando il rischio all’interno degli Istituti e creando i presupposti per far ripartire in sicurezza la scuola in presenza”.

L’UGL ha sempre ritenuto fondamentale l’aspetto della prevenzione anche perché “la scuola non è avulsa dal resto della società, anzi ne è parte integrante; non si limita agli spazi destinati alla didattica, ma vive il suo essere attraverso contatti, esperienze e rapporti che, naturalmente, si estendono in ogni segmento sociale a partire da quello fondamentale della famiglia. Su questo – afferma il Segretario Nazionale – c’è poco da discutere. Per questi motivi chiediamo al Ministro Bianchi, d’intervenire direttamente sulla questione. Noi siamo sempre stati per un confronto scevro da pregiudiziali e con l’intento di puntare alla costruzione di una scuola nuova proiettata nel futuro”.

WhatsApp
Telegram

Devi affrontare la “Prova disciplinare per docenti assunti da GPS”? Preparati al colloquio finale con il corso intensivo a cura dei nostri esperti