Covid-19, Johnson chiude tutte le scuole in Inghilterra: “Necessario un lockdown duro”

Stampa

“Ci sarà un lockdown nazionale abbastanza duro da contenere questa nuova variante”. Lo ha annunciato in diretta tv il premier britannico Boris Johnson annunciando le nuove misure.

“Scuole primarie, secondarie e college di tutta l’Inghilterra da domani dovranno fornire i propri servizi solo da remoto. Non è possibile che si facciano gli esami questa estate” , aggiunge.

Johnson ha assicurato che le scuole “non sono pericolose” ed è “molto improbabile” che i bambini siano toccati dalla nuova variante del virus, ma le scuole, ha spiegato, possono “agire come vettori di trasmissione, provocando la diffusione del virus tra le famiglie”.

Il premier ha definito “allarmante” la cosiddetta variante inglese, più contagiosa “dal 50% al 70%” del precedente ceppo e ha parlato di un aumento dei ricoveri in ospedale del 40% maggiore rispetto alla prima ondata di aprile.

La Gran Bretagna ha avviato “la più grande vaccinazione di massa”, ha sottolineato il premier.

“Finora abbiamo vaccinato più persone che in tutta l’Europa. Con l’arrivo del vaccino di AstraZeneca aumenteremo il ritmo. Se le cose andranno bene, a metà febbraio contiamo di offrire la prima dose a tutti i quattro gruppi individuati come prioritari. Ovvero, gli ospiti delle case di riposo, gli ultra-settantenni, i medici e il personale sanitario, le persone più fragile”, ha concluso.

Stampa

Cassetta degli attrezzi per i futuri insegnanti di sostegno. Il 20 agosto il primo incontro in diretta con gli esperti di Eurosofia