Covid-19, i contagi nelle scuole crescono e i presidi si preparano: “Pronti a dare spazio alla didattica a distanza”

Stampa

I contagi da Covid-19 crescono, siamo ormai arrivati a più di mille istituti, un ottavo delle scuole italiane e sono sempre di più i presidi che decidono di ricorrere alla didattica a distanza seppur temporaneamente.

Le scuole sono pronte, forti dell’esperienza dei tre mesi di lockdown, spiega all’ANSA il presidente dell’Anp (Associazione nazionale presidi), Antonello Giannelli: “Saremo in grado di affrontare qualunque situazione – afferma Giannelli – e stanno elaborando piani per la didattica digitale da inserire nel Piano dell’offerta formativa. Non ci sarà spazio per l’improvvisazione”.

Coronavirus, 1.062 scuole con almeno un caso. 1.164 le persone coinvolte. I dati aggiornati

Certo è che la Dad rappresenterebbe “un grave problema se dovesse riguardare i più piccoli per i genitori che non saprebbero a chi lasciare i figli”, spiega Giannelli sulla scia di quanto detto nei gironi scorsi dalla presidente del Senato, Elisabetta Casellati: “La scuola è fatta di aule, di relazioni, di interazione, di confronto e dialogo quotidiano tra studenti e docenti e non può essere ad intermittenza”.

Coronavirus, 2844 i casi nelle ultime 24 ore (con 118mila tamponi). 27 i morti

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia