Covid-19, Gismondo: “Un anno di restrizioni non ha evitato 100mila morti. Bisogna riflettere”

Stampa

“Alla luce dei risultati di un anno di restrizioni, che sicuramente hanno abbassato la pressione sugli ospedali” senza tuttavia riuscire a evitare “purtroppo quasi 100mila vittime malgrado tutto, dobbiamo interrogarci su quale possa essere uno schema nuovo per dare una svolta” alla lotta dell’Italia contro la pandemia di Covid-19. Lo dichiara all’Adnkronos Salute Maria Rita Gismondo, direttrice del laboratorio di Microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze all’ospedale Sacco di Milano, mentre il Governo studia ulteriori misure di contrasto al virus Sars-CoV-2 e alla crescente diffusione di varianti.

Certamente – ragiona l’esperta – se avessimo la possibilità di vaccinare tutti immediatamente la svolta sarebbe questa. Ma non ce l’abbiamo malgrado le promesse“, osserva Gismondo. “E non ce l’abbiamo – sottolinea – non solo per i vaccini che non arrivano, ma anche perché non ce la facciamo a vaccinare con un ritmo incessante, visto che il 30% delle dosi sono ancora non utilizzate“.

Italia zona rossa fino a Pasqua: l’ipotesi del governo per accelerare la vaccinazione

 Da qui l’invito a “interrogarci. Non ho la soluzione – premette la microbiologa – ma sono abbastanza propensa a dire che gli schemi finora utilizzati non sono stati né sufficienti né abbastanza efficaci. Ci sono degli studi che si stanno pubblicando anche su riviste come ‘Science’ o ‘Bmj’, con valutazioni scientifiche su possibili scenari. Dovremmo prenderli tutti in considerazione e interrogarci“, ripete Gismondo.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur