Covid-19, Giani (Toscana): “Dopo la riapertura delle scuole nessun rialzo dei contagi”

Stampa

“Sono dieci giorni che siamo ripartiti e se andiamo a vedere la curva, l’altra settimana abbiamo avuto 2.901 contagi in tutta la Toscana. Oggi sono 503 i casi, ieri sono stati 434. Siamo assolutamente in linea con l’altra settimana, forse abbiamo qualche contagio in meno”.

“È presto, sono passati dieci giorni, però se ci fosse stato un effettivo pregiudizio, come molti in altre realtà dicono, il sussulto dovremmo cominciare a vederlo e invece non l’abbiamo visto”.

Così il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, nel corso di una conferenza stampa a palazzo Strozzi Sacrati con la ministra all’Istruzione, Lucia Azzolina.

In Toscana dallo scorso 11 gennaio è ripresa la didattica in presenza al 50% per le scuole secondarie di secondo grado.

La sostanziale stazionarietà della curva dei contagi da Coronavirus, secondo il presidente Giani, ha un preciso risvolto: “Significa che nel momento in cui viene gestito bene il valore dell’istruzione – sostiene-  vale la pena di fare scelte coraggiose come pensiamo di aver fatto”.

Il governatore ringrazia la ministra Azzolina per la sua visita istituzionale a Firenze che culminerà in mattinata in un liceo a Bagno a Ripoli: “Voglio ringraziarla- spiega Giani- perché rappresenta in questo momento un ministro che ci ha messo la faccia, si è impegnata in quello che ritengo un valore fondamentale: il ruolo della scuola nella nostra società. Abbiamo voluto corrispondere a quelle indicazioni che il ministro aveva già offerto a dicembre per riaprire”. 

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione