Covid-19, due maestre positive, ma l’Asl lo comunica con 10 giorni di ritardo: bimbi a scuola ignari dell’accaduto

Stampa

Una petizione, firmata finora da 470 persone, è stata inviata anche alla ministra della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina e al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, per chiedere come mai i genitori degli alunni dell’istituto scolastico Manicone-Fiorentino di Vico del Gargano, nel Foggiano, siano stati avvisati dei casi di contagio da coronavirus di due maestre soltanto dopo circa 10 giorni dall’accertamento delle positività.

Un ritardo che, ribadiscono i genitori ha avuto una conseguenza grave: ignari di quanto accaduto, a fine ottobre le famiglie hanno continuato a portare i propri figli a scuola.

Soltanto molti giorni dopo che quei casi erano stati accertati, gli stessi genitori hanno saputo, l’11 novembre successivo e dopo alcune telefonate di un dipendente della Asl di San Severo, che chiedeva alle ignare famiglie come stesse procedendo la quarantena dei loro figli venuti a contatto con le insegnanti contagiate.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese