Covid-19, da oggi 17 regioni in zona gialla, ma in alcune zone scattano le restrizioni. Cosa cambia per la scuola

Stampa

Da oggi sono 17 le regioni gialle, con l’aggiunta di Sardegna e Trentino. Nei casi più a rischio sono stati emanati provvedimenti restrittivi a livello locale.

Le restrizioni:

  • Umbria: Dall’8 al 21 febbraio entrano in zona rossa l’intera provincia di Perugia e 6 comuni del Ternano;
  • Toscana: Dall’8 al 15 febbraio entra in zona rossa «l’area di Chiusi»: chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado;
  • Abruzzo: Didattica a distanza per le scuole superiori in tutta la regione. Sarà rossa l’area di Tocco da Casauria;
  • Sicilia: Dal 5 febbraio è in zona rossa Tortorici, in provincia di Messina;
  •  Alto Adige: Da lunedì 8 a domenica 28 febbraio sarà in lockdown: chiusi bar, ristoranti e numerosi negozi, ma anche alcuni alberghi. Da lunedì 8 febbraio scatta la didattica a distanza per le scuole medie e per le superiori, da mercoledì 10 febbraio per le scuole elementari.

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni e Province Autonome nelle aree gialla, arancione e rossa è la seguente, a partire dall’8 febbraio:

  • area gialla: Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Trentino, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto,
  • area arancione: Puglia, Sicilia, Umbria.
  • area rossa: nessuna Regione
  • lockdown: Alto Adige (fino al 28 febbraio)

Covid-19, cosa cambia per la scuola

Scuole superiori: si torna alla didattica a distanza in diverse regioni e comuni. Il rischio aumento contagi Covid permane

Stampa

Aggiornamento delle graduatorie Ata terza fascia: aumenta il tuo punteggio, contatta Eurosofia, puoi acquisire fino a 1,60 punti