Conte annuncia: “Stiamo cercando di aprire le scuole prima di Natale, stiamo lavorando per questo”

Stampa

“Sullo spostamento tra regioni a Natale ci stiamo lavorando ma se continuiamo così a fine mese non avremo più zone rosse. Tuttavia, il periodo natalizio richiede misure ad hoc”.

Così il premier Giuseppe Conte a La 7 durante la trasmissione “Otto e Mezzo”.

“Cercheremo di aprire le scuole prima di  Natale. Stiamo lavorando per questo”, aggiunge.

E ancora: “Si rischia altrimenti di ripetere il ferragosto e non ce lo possiamo permettere: consentire tutte le occasioni di socialità tipiche del periodo natalizio non è possibile”.

Poi: “Non possiamo concederci vacanze indiscriminate sulla neve. Anche per gli impianti da sci, il problema del protocollo è un conto ma tutto ciò che ruota attorno alle vacanze sulla nave è incontrollabile e con Merkel e Macron in Europa stiamo lavorando ad un protocollo comune europeo. Non è possibile consentire vacanze sulla neve, non possiamo permettercelo”.

Poi aggiunge ancora: “Presentiamo già a febbraio il piano nazionale italiano per il Recovery Fund, siamo poco in ritardo rispetto ai tempi iniziali ma c’è un’interlocuzione settimanale con la commissione europea. Abbiamo messo a punto un meccanismo e una struttura normativa e operativa. C’è da creare una struttura operativa ad hoc con un profilo manageriale che garantisca il monitoraggio dei progetti e la verifica della loro attuazione. Sarà una struttura condivisa presso Palazzo Chigi ma con il coordinamento di altri ministeri. Inoltre, condivideremo i piani con tutto il Paese, lo faremo in parlamento, ora ci sara’ un aggiornamento sui progetti”. 

Sul M5S: “Non ho l’ambizione di diventare il capo politico dei 5 Stelle. Rispetto le loro dinamiche interne, li seguo con attenzione e con affetto ma non ho questa ambizione”.

Infine: “Lo sciopero è un diritto, non entro nel merito della decisione. Ma non credo sia questo il momento di scioperare. Farlo per il rinnovo contrattuale e per incrementare le risorse già cospicue stanziate in manovra, non è un bel messaggio per il Paese”. 

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!