Covid-19, Bassetti: “Il moltiplicatore dei contagi è stato il ritorno alla vita normale, fare attenzione a gennaio”

Stampa

“Che ci sarà una terza ondata è molto probabile, anche perché a gennaio si mischieranno le infezioni da SarsCoV-2 con l’influenza stagionale. Occorre, quindi, porre particolare attenzione ai nostri comportamenti individuali: meglio ci comporteremo già da ora e non solo nelle festività, minori saranno i contagi e i problemi ospedalieri post-natalizi”.

Così, in un post su Facebook, il responsabile della clinica di Malattie infettive del policlinico San Martino di Genova.

L’infettivologo torna, poi, sulla polemica per le maglie troppo larghe lasciate quest’estate: “Il professor Roberto Battiston ha fatto una precisa e dettagliata analisi sull’evoluzione del contagio da SarsCov-2 in Italia negli ultimi 10 mesi. Ha finalmente chiarito che l’estate e i suoi eccessi hanno solo parzialmente contribuito all’aumento dei casi di questo autunno-inverno. Ciò che ha fatto da moltiplicatore è stato il ritorno alla vita normale e produttiva della fine di settembre, fatta di scuola, trasporti affollati e altre attività correlate”.

Covid-19, Galli: “La terza ondata si può evitare, ma i cittadini devono fare la loro parte”

Crisanti: la terza ondata è una certezza, inverno preoccupante. Scuole chiuse per ridurre contagi

Covid-19, Pregliasco: “La terza ondata è quasi certa, ma dobbiamo contenerla”

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur