Covid-19, Azzolina: “Le regole non vanno rispettate solo a scuola, ma anche fuori”

Stampa

“Faccio un appello ulteriore: le regole non possono essere rispettate solo a scuola”, così la Ministra Lucia Azzolina intervenendo a margine della visita all’Istituto Borghese-Faranda di Patti, in Sicilia.

“Oggi a scuola ci sono regole molto precise dal punto di vista sanitario, ma queste regole da sole – ha sottolineato – non possono bastare se fuori da scuola, poi, non vengono rispettate: utilizzo della mascherina quando necessario, il rispetto del distanziamento, l’igiene delle mani. In questo momento – ha proseguito – i contagi che abbiamo avuto non sono legati alla scuola, ma ad altro: vengono dall’esterno. E allora bisogna stare molto attenti, perchè rispettare  le regole anche fuori dalla scuola ci permette di mantenerla aperta.  Il mio appello è rivolto a tutti, studenti e famiglie. In questo  momento la scuola è più importante di tutto, di tutto”.

Riguardo alla questione personale nelle scuole siciliane, Azzolina aggiunge: “Negli anni scorsi in questo periodo si facevano ancora le assegnazioni provvisorie in Sicilia. Adesso il novanta percento dei supplenti è stato nominato, quindi penso che sia un ottimo risultato. Piccole criticità ancora ci sono, sono in via di risoluzione come in tutti gli anni scolastici che ci hanno preceduto”.

La ministra, in mattinata, avrebbe dovuto visitare anche una scuola di Lipari, ma la visita è stata annullata a causa del mare agitato che rendeva difficoltoso il collegamento.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia