Covid-19, Arcuri: “Primi in Europa per il vaccino. Patente vaccinale? Non è cattiva idea”

Stampa

“Siamo il primo paese in Europa per la somministrazione di vaccini, al momento 910mila persone pari al 64% delle dosi arrivate e distribuite (1,5% della popolazione)”.

Così il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri, in una conferenza stampa, sottolineando che “in Germania sono state vaccinate 840mila persone (1% della popolazione) e in Francia 250mila”.

“Nessun trionfalismo – ha spiegato – siamo all’inizio di un lungo cammino che abbiamo iniziato nel migliore dei modi”.

“Al momento possiamo contare su 60 milioni di dosi nel 2021 grazie ai vaccini di Pfizer e Moderna – ha spiegato – con cui potranno essere vaccinati fino a 30 milioni di italiani quest’anno, di cui 6 milioni nel primo trimestre”. Con il via libera al farmaco di Astrazeneca “i vaccinati nell’anno potranno salire a 50 milioni e nel primo trimestre a 9 milioni”.

“Iniziamo tra poco la seconda tornata di vaccinazioni che riguarderà le persone che hanno più di 80 anni e andremo poi avanti con le altre categorie previste. Il Parlamento italiano ha approvato un Piano di vaccinazione molto dettagliato, con categorie ordinate in funzione del livello di esposizione al contagio e il livello di fragilità. Non è possibile al momento modificare in una sede diversa questo Piano né l’ordine di categorie previste, benché le richieste siano legittime. Al crescere delle dosi a disposizione è possibile anticipare le somministrazioni a prossime categorie”.

Infine: “Penso che il patentino vaccinale non sia una cattiva idea, aspetto che venga presa una decisione definitiva al riguardo”.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese