Covid-19, a Bari e provincia dal 6 all’11 novembre contagi a scuola aumentati dell’80%

WhatsApp
Telegram

Nel periodo compreso tra il 6 e l’11 novembre scorso, il numero di positivi riscontrati in ambito scolastico nell’area metropolitana di Bari è passato da 132 a 243 casi, con un incremento sensibile superiore all’80%.

È quanto rivela il monitoraggio svolto dalla Asl di Bari secondo cui sale a 62 il numero degli istituti scolastici in cui è stato accertato un caso di contagio.

È aumentato di conseguenza anche il numero di alunni positivi – 54 in più rispetto agli 89 del 6 novembre – del personale scolastico e dei docenti: 21 in più rispetto ai 43 già rintracciati. Le classi in isolamento fiduciario, sono passate da 24 a 36 in meno di una settimana.

Dal tracciamento si rileva che la presenza all’interno di una classe di un alunno positivo può generare casi secondari, specie nelle scuole primarie.

Come confermano i dati: sono 4 i casi differenti in cui lo studente con positività ha determinato, rispettivamente 9, 6, 4 e 2 contagi secondari, tutti in istituti di primo grado.

L’ultima indagine dei tracciatori del pool scuole, che operano nell’Epidemic Intelligence Center – la centrale operativa nel quartiere Madonnella di Bari impegnata principalmente nella sorveglianza anti Covid negli istituiti scolastici – ha riguardato tutta l’area metropolitana in cui sono rientrati oltre la città di Bari, anche i comuni di Capurso, Modugno, Terlizzi, Triggiano e Valenzano.

“I ragazzi e i bambini in età scolare sono al momento uno degli elementi di innesco dei cluster famigliari – dichiara il dg Asl Bari Antonio Sanguedolce – per questo si invitano le famiglie a rispettare le note regole di distanziamento fisico, in particolare tra le persone più anziane e i bambini e i ragazzi in età scolare”.

“Gli anziani – prosegue – sono maggiormente esposti al rischio di un decorso meno favorevole della malattia in quanto soggetti fragili I dati testimoniano il livello di circolazione del virus in ambiente scolastico – conclude Sanguedolce – per questo invitiamo i dirigenti a rispettare in maniera rigorosa le misure di sicurezza anti Covid previste dai protocolli con l’obiettivo di prevenire la diffusione della pandemia”.

WhatsApp
Telegram

Storia di Giacomo Matteotti che sfidò il fascismo: una grande lezione di educazione civica per tutti. Webinar gratuito