Costruisci la classe del futuro con nuovi pilastri chiave: SCARICA il “Vademecum delle tecnologie”

Stampa

Da anni ormai le aule stanno cambiando in meglio. Ogni classe dovrebbe consentire agli studenti di imparare; questo scopo non cambia. Ma il modo in cui i tuoi studenti imparano si sta evolvendo con i tempi delle velocità con la quale si sta diffondendo il virus. Parlo sempre della classe moderna, dell’aula digitale, dell’aula futura. Tuttavia, è praticamente solo un’aula vuota se non si riesce a modificare stile e approccio alle nuove metodologie.

Come sarà la futura classe?

Il futuro modello di classe si basa sull’apprendimento capovolto, in modo che gli studenti possano accedere al materiale didattico prima di ogni lezione. La futura classe è la combinazione ideale tra le ultime tecnologie e la migliore pedagogia. La futura classe deve essere autentica, didattica e innovativa. Le aule del futuro sono classi di “esperienza”. Un’aula nella quale costruire il futuro attraverso la sperimentazione di nuovi modelli educativi.

Modello A

Il primo è il modello ALT di 27 minuti. Fondamentalmente, divide il tempo di apprendimento in due. Due volte 27 minuti, poiché 27 minuti sono il tempo in cui gli studenti sono attivamente, con successo e produttivamente coinvolti nell’apprendimento di contenuti accademici pertinenti.

I primi 27 minuti servono per l’apprendimento capovolto e l’istruzione diretta. Qui insegna ai suoi studenti il ​​nuovo contenuto della lezione.

Gli ultimi 27 minuti servono a testare ciò che hanno imparato nei primi 27 minuti. Lo scopo è incorporare la conoscenza nella loro memoria a lungo termine. Gli studenti creano, coinvolgono e incorporano contenuti in modi diversi. La lezione si conclude con un biglietto di uscita.

Modello B

Questo modello di apprendimento si concentra sui team di lavoro collaborativi. Mette l’insegnante nel ruolo di “mentore”, rendendolo una “guida” invece di un “insegnante predicatore”. È necessario utilizzare una tassonomia in grado di impostare obiettivi di lezione differenziati. Gli studenti stabiliscono il proprio punto di partenza. Gli studenti sperimenteranno idee, falliranno, si riprenderanno, troveranno la soluzione e cresceranno. Poiché i tuoi studenti seguono ciascuno il proprio percorso (in Teams), le lezioni possono diventare disordinate.

Le 3 regole d’oro

Le 3 regole d’oro:

  • Avere un obiettivo chiaro per la lezione. Alex condivide un compito di apprendimento capovolto, in modo che gli studenti sappiano quale sarà l’obiettivo della lezione prima del loro arrivo.
  • Progettare team di apprendimento. Riorganizza la tua classe e assegna ruoli chiari. Conosci i tuoi studenti, quindi puoi scegliere se creare team con 3, 4 o 5 studenti. Alex ha appreso che squadre di 4 hanno avuto più successi.
  • Separa le lezioni in due chiari episodi di apprendimento. È qui che il modello A raggiunge il picco dietro l’angolo. Alex consiglia i primi 27 minuti come tempo di scoperta e gli ultimi 27 minuti come tempo di presentazione.

La futura classe

Questa classe ha studenti che svolgono ruoli diversi all’interno dei loro team. C’è un team leader, un assistente team leader, un docente che si occupa di scrittura, un docente abile oratore e un analista di ricerca.

Un’altra parte interessante è il modo in cui ha progettato lo spazio della sua classe. Gli studenti hanno sempre a disposizione lavagne bianche. Quindi, non solo una lavagna che solo l’insegnante usa, ma una superficie di scrittura a 360 °.

Quota futura classe

Flessibilità

Questa combinazione della superficie di scrittura a 360 ° e l’uso della tecnologia nella classe è in linea con “uno spazio in classe dovrebbe consentire diversi formati pedagogici. L’aula del futuro è un’aula flessibile” Marc Hermans.

La tua futura classe dovrebbe supportare tutti i tipi di metodi di insegnamento come discorso, incoraggiare discussioni e dibattiti, dare dimostrazioni, mostrare documentari, compiti digitali, lavoro d’angolo, apprendimento in movimento, lavoro di gruppo, lavoro individuale e così via. Ciò significa che dovresti essere in grado di modificare l’impostazione della classe ogni volta che vuoi.

Autenticità

Gli studenti devono avere successo nella vita reale. Dobbiamo assicurarci che non abbandonino la scuola o abbandonino i loro progetti futuri, dobbiamo offrire agli studenti un’esperienza di apprendimento che sia uguale alla loro esperienza futura nella vita reale. Bisognerebbe creare un’aula che abbia tutte le configurazioni possibili e che corrisponda alla realtà. L’organizzazione delle aule varia da scuola a scuola. Da un’aula tradizionale con solo una lavagna a un’aula high-tech, tutti gli studenti dovrebbero essere in grado di insegnare in entrambe le configurazioni. Ciò impedisce agli studenti di disconnettersi tra ciò che pensavano e come è realmente.

Ci sono altri modi?

Doppio apprendimento

Il doppio apprendimento suggerisce che gli studenti combinano apprendimento e lavoro. Ciò significa che gli studenti esercitano una vera professione alcuni giorni alla settimana. Si passa da lunghi stage alla fine degli studi al doppio apprendimento all’inizio degli studi. Gli studenti-insegnanti si confrontano con la realtà sin dal primo giorno e vengono monitorati e istruiti in modo molto più intenso. Questo è anche un modo per colmare il divario di realtà tra studenti insegnanti e insegnanti reali.

Team di lavoro collaborativi

Questo modello pedagogico è progettato per consentire agli studenti di apprendere secondo le proprie condizioni. Proprio come nel mercato del lavoro, gli studenti devono essere in grado di prendere decisioni, sperimentare idee, portare a termine compiti e imparare da soli senza che qualcun altro gli dica cosa fare. Si chiama anche apprendimento autoregolato.

Partnership

Partner con aziende private. Per ogni lezione che i tuoi studenti seguono, le aziende private predispongono progetti attivi e funzionanti. Lascia che i tuoi studenti si candidino per quei progetti, lascia che trovino le soluzioni mentre applicano nel concreto la teoria della lezione. Puoi anche creare partnership con centri educativi che dispongono di tecnologie moderne e maggiori possibilità nel loro campo di competenza. Lascia che i tuoi studenti sperimentino questi nuovi concetti.

Realtà virtuale

Insegna agli studenti con la ragione disposta a guidare i processi del futuro: allinea il loro apprendimento con il mondo reale. Se non riesci a portarli nel mondo reale, puoi portare il mondo reale nel loro mondo, utilizzando la realtà virtuale e la realtà aumentata.

Co-insegnamento e feedback degli insegnanti

Gli studenti-insegnanti non insegnerebbero ai loro compagni ma ai bambini più piccoli, ovvero agli studenti delle scuole primarie. Oltre all’aula principale, sarebbe necessario predisporre uno spazio per altri studenti e insegnanti, in modo che possano guardare la classe da lontano. Mentre tutto viene registrato in questa classe, altri studenti e insegnanti dovrebbero seguire la lezione e dare un feedback su come insegna il loro compagno di studi. Imparare attraverso l’osservazione cambierà il comportamento dei bambini e li renderà all’altezza delle sfide del terzo millennio.

Tecnologia

L’errore più grande è pensare che la tecnologia possa reggersi da sola. Non scegliere la tecnologia solo perché è tecnologia.

Spazio

La tecnologia può essere utilizzata nello spazio dell’aula? Cerca lo spazio perfetto nella tua scuola. Non solo un’aula qualsiasi, ma un ampio spazio con molte diverse possibilità di allestimento. Progetta un’aula in cui tutto funzioni. Sia la tecnologia come modello pedagogico che la didattica diversa.

Attenzione al trucco: non includere la tecnologia che crea un’esperienza falsa per lo studente, solo perché è divertente da usare.

Usabilità

Ogni insegnante dovrebbe essere in grado di utilizzare la tecnologia nella tua classe. Anche quelli che non sono esperti di tecnologia.

Ecco un elenco di tecnologie significative per la classe del futuro. La tecnologia che cito in seguito viene scelta con cura e in base alle considerazioni chiave sopra.

Un proiettore intelligente: Questo proiettore non ha punti ciechi, quindi ogni studente nello spazio della classe dovrebbe essere in grado di vedere il contenuto della lezione proiettato. Poiché il proiettore consente di trasformare la lavagna cancellabile a secco e le pareti lisce in spazi di lavoro interattivi, non è necessario un elegante touch screen o una lavagna digitale. Il proiettore è interattivo e reagisce a sei studenti diversi che toccano lo schermo. Questo lo rende anche lo strumento perfetto per la collaborazione.

Il Learnometer: questa piccola scatola misura se la classe ha l’ambiente di apprendimento ideale. Tiene traccia di numerose variabili in classe, come i livelli di CO2, l’umidità, la temperatura, le particelle di polvere fine, i prodotti chimici, la luce ambientale e il rumore ambientale.

App software immersive: L’ app Mozaik 3D , per esempio, funziona in modo straordinario con il proiettore intelligente e dispone di scene 3D per corsi come storia, geografia, biologia e altri corsi di scienze. Investi in app e software che vanno per molte classi poiché questa classe dovrebbe essere utilizzata in tutti i tipi di materie.

Realtà virtuale: quando hai il budget, questo è un buon modo per portare la “vita reale” nella tua classe. La realtà virtuale può svolgere un ruolo enorme quando si tratta di mantenere l’apprendimento reale e autentico. Ci sono molte diverse app VR educative che miglioreranno l’apprendimento.

Dispositivi 1 a 1: sicuramente non è necessario utilizzare i dispositivi tutto il tempo. Ma dare a ogni studente il proprio dispositivo allarga l’orizzonte. Soprattutto in tempi di Covid-19 e insegnamento a distanza. Perché? Ogni studente partecipa. Non devono solo rispondere a una domanda. Ora, hanno tutti un modo per rispondere alla domanda e partecipare alla tua lezione tutto il tempo. Gli studenti saranno più coinvolti e avrai una visione più chiara del loro processo di apprendimento e dei loro progressi.

Sistema di streaming: la classe del futuro ha telecamere che registrano ogni singolo angolo della classe. Ciò consente agli studenti-insegnanti di rivedere le loro lezioni e agli altri studenti di imparare gli uni dagli altri. È inoltre possibile utilizzare le telecamere come sistema di streaming. Se hai degli studenti assenti, possono comunque seguire le tue lezioni a distanza. Ciò rende possibile sia insegnare in classe che online. È una configurazione di classe ibrida. Sulla privacy naturalmente sarà necessario disquisire specie in ragione della circostanza che sarà necessario acquisire una poliedricità di autorizzazioni e consensi.

Non ci sono più confini

Una cosa è certa: l’aula del futuro non conosce confini. L’apprendimento non può essere contenuto in sole quattro mura. Allora dimmi, la tua classe è a prova di futuro?

Fai il primo passo. Lavora per integrare la tecnologia alle lezioni tradizionali per migliorare l’apprendimento dei tuoi studenti.

Protocollo Tavolo delle Tecnologie

“Le tecnologie digitali stanno progressivamente acquisendo spazi e tempi, affermandosi e strutturandosi anche nella scuola e al pari degli altri insegnamenti tradizionali, fino a diventare parte integrante dei curricoli” scrive l’Istituto Comprensivo di scuola primaria e secondaria di primo grado di Tione di Trento presieduto con competenza dal dirigente scolastico prof. Alberto Paris.

Secondo l’istituto, che si distingue per scelte metodologiche all’avanguardia, “È necessario intraprendere un percorso di informatizzazione interna negli ambiti:

  • della didattica
  • della comunicazione interna ed esterna
  • nei servizi amministrativi
  • Informatizzazione della didattica.

L’istituito considera l’informatizzazione un insostituibile strumento di supporto all’apprendimento degli alunni e all’insegnamento, ma certamente non un fine in sé, né la risposta a mode tecnicistiche. Al centro dell’offerta formativa rimane la ratio pedagogica degli insegnanti mediata anche dalle tecnologie digitali. L’uso dell’ambiente informatico si configura come un’occasione per curare aspetti logici, attività di problemi, di scoperta e di creatività; inoltre, esso può costituire una base di approccio per diverse discipline, che favoriscono percorsi pedagogici stimolanti e che consentono di ripensare le strategie didattiche da adottare”.

Protocollo Tavolo delle Tecnologie

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur