Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Cos’è una rubrica di punteggio? Tipi, vantaggi e svantaggi

Stampa

Come fai a sapere se i tuoi studenti hanno imparato qualcosa di quello che hai insegnato in classe? Valutare il processo di apprendimento non è un compito semplice. Poiché l’apprendimento è un processo dinamico e complesso, gli insegnanti necessitano di una serie diversificata di strumenti per misurare i progressi dei propri studenti. Uno di questi strumenti è la rubrica il punteggio. Anche se, a ridosso dell’ordinanza ministeriale che introduce nuovi metodi di classificazione per la scuola Primaria, sembrerebbe, la cosa, fuorviante o fuori luogo. Come vedremo in questo e nei successivi articoli, non lo è affatto.

Una rubrica di punteggio è uno standard di prestazioni per una popolazione scolastica ben definita (per ordine e grado, per anno di corso). È un insieme predeterminato di traguardi e obiettivi su cui basare una valutazione. Sono “Schemi di punteggio descrittivi sviluppati da insegnanti o altri valutatori per guidare l’analisi dei prodotti o dei processi degli sforzi degli studenti”.
Cercheremo, a seguire, di esplorare in profondità i diversi tipi di rubriche di punteggio, come crearne una da soli e compiremo un’analisi sul come le rubriche di punteggio migliorano l’apprendimento.

Tipi di rubriche di punteggio
Nonostante il numero enorme di rubriche di punteggio la maggior parte delle rubriche rientra in una delle due categorie: rubriche di punteggio analitiche o olistiche.

Rubriche di punteggio analitico
Le rubriche analitiche tentano di scomporre il prodotto o l’obiettivo finale in componenti e parti misurabili. In altre parole, il tuo studente ha un progetto o un compito e tu usi una rubrica di punteggio analitica per valutare tutti i pezzi del progetto. Le rubriche analitiche in genere utilizzano numeri per misurare la qualità. Prendiamo l’esempio di seguito.
Compito dello studente: scrivi un articolo di una pagina sulle tue vacanze estive.
La rubrica potrebbe suddividere il processo di valutazione in tre parti:

  • contenuto dell’articolo
  • grammatica e meccanica
  • organizzazione delle idee.

Per ciascuno di questi componenti, verranno assegnati dei numeri in relazione ai seguenti indicatori:

  • Necessita di miglioramento (in fase di avvio)
  • Sviluppo di base
  • Obiettivo nella media
  • Sopra la media
  • Avanzato.

La rubrica spiega anche cosa significano esattamente ciascuno di questi numeri. Quindi uno studente potrebbe avere un punteggio come questo:

  • Contenuto (3) – Le idee sono state sviluppate e pensate. Sono stati forniti degli esempi.
  • Grammatica (4) – Il documento era privo di tutti gli errori di ortografia e grammatica. C’erano solo poche frasi da riorganizzare.
  • Organizzazione (2) – Ogni idea non è stata suddivisa in paragrafi. L’autore ha saltato intorno all’argomento e ha confuso il lettore.
  • Con una rubrica di punteggio analitica, lo studente e l’insegnante possono vedere più chiaramente quali aree necessitano di lavoro e quali aree sono padroneggiate.

È molto più descrittivo di un semplice grado di valore A, B o C.

Rubriche di punteggio olistico
Mentre le rubriche analitiche suddividono il compito in parti misurabili, una rubrica di punteggio olistico valuta il lavoro nel suo complesso. Nell’esempio sopra, una rubrica olistica sarebbe simile a questa:
Compito dello studente: scrivi un articolo di una pagina sulle tue vacanze estive.

  • (1) Necessita di miglioramento: la storia non è organizzata chiaramente, gli errori grammaticali rendono difficile la comprensione e il contenuto è carente.
  • (2) Sviluppo: lo studente ha una comprensione del compito, ma ha bisogno di dedicare più tempo a organizzare pensieri, aggiungere dettagli e correggere gli errori.
  • (3) Obiettivo: lo studente ha completato la consegna utilizzando buoni contenuti, correttezza, grammaticale e un’organizzazione logica delle idee.
  • (4) Sopra la media: la storia è ricca di ottimi contenuti, ben organizzata e priva di errori di ortografia e grammatica.
  • (5) Eccellente: lo studente è andato ben oltre, aggiungendo ricchi dettagli alla sua storia. Il contenuto è interessante e ben organizzato. I pensieri sono ben descritti. La grammatica e la meccanica sono impeccabili.

Con questa rubrica il brano viene valutato nel suo insieme.

Generale o specifico per attività?
Le rubriche possono essere entrambe. Le rubriche generali vengono utilizzate in più incarichi. Dopo aver sviluppato una rubrica generale, puoi usarla per misurare materie e lezioni diverse. Le rubriche specifiche dell’attività sono progettate per valutare un compito specifico. Utilizzando queste linee guida, puoi classificare le tue rubriche in una delle seguenti categorie:

  • Rubrica di punteggio olistico generale
  • Rubrica del punteggio analitico generale
  • Rubrica di punteggio analitica specifica per l’attività
  • Rubrica di punteggio olistico specifica per l’attività.

Vantaggi e svantaggi
Le rubriche olistiche generali hanno vantaggi e svantaggi. Se passi il tempo a creare una solida griglia di punteggio, non dovrai farlo di nuovo. Gli studenti coglieranno rapidamente il “significato” di ciascun numero, quindi comprenderanno cosa deve migliorare da un compito all’altro. Il valore di ogni numero è chiaro. Lo svantaggio di questo tipo di rubrica è che soggetti diversi potrebbero aver bisogno di istruzioni di punteggio più specifiche. Con la stessa rubrica utilizzata più e più volte, i tuoi studenti potrebbero rimanere bloccati in un solco, usando sempre lo stesso punteggio.
Le rubriche di punteggio analitico generali sono difficili da creare. Poiché una rubrica analitica è progettata per suddividere un compito in pezzi, la soluzione migliore è creare una rubrica analitica generale per un particolare argomento (come una per la scrittura, una per la matematica, una per la lettura, ecc.). Ogni soggetto ha “misurabili” simili, qualcosa che sarebbe difficile da creare in diverse discipline.

Le rubriche di punteggio analitico specifiche
Le rubriche di punteggio analitico specifiche per attività sono le più complete e dettagliate. Sebbene forniscano un’ottima fonte di feedback allo studente e all’insegnante, la creazione richiede più lavoro in anticipo. Creare una rubrica analitica specifica per ogni compito sarebbe tremendamente noioso. Questi tipi di rubriche per progetti di grandi dimensioni e che devono essere suddivisi in parti e pezzi affinché i tuoi studenti possano gestirli e comprenderli.
Le rubriche olistiche specifiche per attività sono come un centro “equilibrato”. Sono progettati per un compito particolare, ma valutalo nel suo insieme piuttosto che in parti.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur