Coscia PD smentisce Chimienti su Spending review e tagli alla scuola

di redazione
ipsef

red – Ci ha chiesto diritto di replica, inviandoci un comunicato, l’On Maria Coscia del Partito Democratico, relativamente ai "presunti tagli alla scuola con la futura spending review". E noi ne riportiamo il comunicato.

red – Ci ha chiesto diritto di replica, inviandoci un comunicato, l’On Maria Coscia del Partito Democratico, relativamente ai "presunti tagli alla scuola con la futura spending review". E noi ne riportiamo il comunicato.

"Le notizie che circolano", leggiamo nella nota, "sono totalmente prive di fondamento". Il riferimento è all’audizione informale di ieri del commissario Cottarelli in VII Commissione cultura

"Il commissario Cottarelli – continua lla nota – nel corso dell’audizione proprio in commissione ha anzi precisato e ribadito quanto l’istruzione sia importante e centrale per promuovere crescita e sviluppo e il rilancio del nostro Paese. E per rafforzare questo assunto ha citato numerose indagine internazionali alle quali ha dato il suo contributo. Infine, ha precisato  continua la deputata democratica, che il lavoro è ancora nella prima fase e cioè quella dell’acquisizione dei dati da parte di tutti i settori dell’amministrazione pubblica."

Sulla faccenda, ieri, subito dopo l’audizione, abbiamo ricevuto il comunicato del M5S, con le dichiarazioni dell’On Chimienti che, invece, puntavano su tutt’altra direzione. "Abbiamo chiesto – affermava il comunicato – di avere la garanzia che non si toccheranno neanche per scherzo le spese per la sicurezza degli edifici, per il personale scolastico, per il diritto allo studio. Le risposte non sono state soddisfacenti e il fatto che non si siano ancora individuati settori "intoccabili" dal punto di vista della spesa ci preoccupa e ci indigna perché negli altri paesi europei funziona diversamente: la revisione della spesa parte sempre dall’individuazione dei settori che ne saranno oggetto."

Vedremo quale versione sarà confermata, saranno i fatti a parlare.

Vedi l’articolo di ieri

Spending review, oggi in VII: entro il 2016 tagli per 32 miliardi, la scuola dovrà contribuire

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione