Corsi specializzazione sostegno, ammissione in Ateneo diverso da quello delle prove d’accesso

Stampa

Il DM 92/2019 disciplina i percorsi di specializzazione su sostegno per la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria.

L’articolo 4, comma 5, del decreto prevede che le graduatorie dei candidati ammessi ai percorsi di specializzazione (compilate in base ai punteggi delle prove e dei titoli) possono essere integrate. Vediamo come e da chi.

Corsi sostegno: integrazione graduatorie ammessi

Così leggiamo nel predetto articolo 4/5:

Nel caso in cui la graduatoria dei candidati ammessi risulti composta da un numero di candidati inferiore al numero di posti messi a bando, si può procedere ad integrarla con soggetti, collocati in posizione non utile nelle graduatorie di merito di altri atenei, che ne facciano specifica richiesta, a loro volta graduati e ammessi dagli atenei sino ad esaurimento dei posti disponibili. A tal fine, preso atto che la valutazione dei titoli di cui all’articolo 6, comma 8 del DM Sostegno è demandata alle autonome scelte delle sedi, gli atenei provvedono a rivalutare i titoli dei soggetti di cui al presente comma in conformità ai propri bandi.

Le graduatorie di accesso ai percorsi degli Atenei, dunque, possono essere integrate:

  • qualora risultino composte da un numero di candidati inferiore al numero di posti messi a bando;
  • da soggetti collocati in posizione non utile nelle graduatorie di altri Atenei.

Corsi sostegno: modalità integrazione graduatorie ammessi

I soggetti interessati, per essere inseriti nelle graduatorie di un altro Ateneo (diverso cioè da quello in cui hanno svolto le prove d’accesso):

  • sebbene in pozione non utile, devono essere collocati in graduatoria, quindi devono aver superato le prove d’accesso;
  • devono farne specifica richiesta;

I docenti in questione verranno graduati e ammessi dagli Atenei sino ad
esaurimento dei posti disponibili.

Considerato che la valutazione dei titoli è affidata all’autonomia delle Università, gli Atenei interessati procedono a rivalutare i titoli dei docenti, che hanno chiesto di essere inseriti nelle graduatorie degli ammessi, in conformità ai propri bandi.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile