Corsi di recupero in Dad, i genitori protestano: “I nostri figli non impareranno niente”

Stampa

Dalla Toscana, precisamente da Firenze, arriva la protesta di alcuni genitori che lamentano come i propri figli stiano seguendo corsi di recupero in Dad. Scelta non proprio apprezzata, dopo il lockdown e le chiusure dello scorso anno.

Ne parla La Repubblica, che spiega come gli studenti del Michelangelo di Firenze, siano impegnati a seguire un calendario su Gmeet, come si faceva in lockdown. “L’ora di matematica dura 45 minuti, è tenuta da una docente esterna alla scuola”. I genitori accusano la Dad per i debiti formativi e per questo non vogliono che per recuperare si debba utilizzare lo stesso strumento.

Come mai la scuola non partecipa al piano estate? “I docenti lo hanno bocciato”, spiega la preside dell’istituto scolastico. Quindi, non usufruendo dei fondi a disposizione, i corsi di recupero sono gli stessi degli altri anni. Solo che è stato deciso di farli a distanza.

Vista la proroga dello stato di emergenza, spiega la preside, per la tutela della salute di tutti, i corsi si svolgono online.

Anche il deputato di Italia Viva, Gabriele Toccafondi, commenta l’accaduto: “Basta Dad. Scuola e corsi di recupero siano in presenza

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur