Corresponsabilità genitori docenti per contrastare la violenza fra gli studenti

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Condividere la responsabilità educativa fra scuole e famiglia potrebbe aiutare a contrastare gli episodi di violenza. 

Ne è convinta, come molti altri, la vice presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari con delega alla scuola, Maria Grazia Colombo. Come ha detto ad Agensir, il servizio di informazione religiosa, “Il miglior antidoto agli episodi di violenza come quello che ha coinvolto una docente di Santa Maria a Vico è la promozione, paziente ma concreta, di progetti e iniziative che aiutino a far crescere un percorso condiviso di corresponsabilità educativa nel mondo della scuola, per far sì che i protagonisti non restino solo gli studenti, ma con loro ci siano famiglie, docenti e dirigenti scolastici”.

Molte scuole stanno prendendo in considerazione questi progetti, come per esempio a Lecce. Nella cittadina del Salento ben cinque scuole – come ha fatto sapere la vicepresidente Colombo – hanno aderito al progettoImmìschiati” dove vengono consolidati i rapporti fra docenti e genitori con l’obiettivo di condividere la responsabilità educativa.

Secondo Maria Grazia Colombo, il forum da solo non basta; sono ancora tante le iniziative che possono essere prese ogni giorno fra studenti, professori e famiglie per migliorare la formazione dei ragazzi ed evitare gli episodi di violenza gravi raccontati dalle cronache. Gli esempi migliori sono quelli che partono dal basso, soprattutto se nascono all’interno delle aule scolastiche.

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare