Corredo scolastico: oltre mille euro di spese, si ricorre ai supermercati o alla rete

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inizia la scuola e cominciano le spese per il corredo scolastico.

Per il Codacons sul corredo scolastico i prezzi al dettaglio, rispetto al 2018, registrano un incremento medio del +2,5%, con le marche più richieste dai giovani – legate a squadre sportive, cartoni animati, bambole o personaggi e serie famosi – che hanno ritoccato al rialzo i listini.

La spesa complessiva a carico delle famiglie – tra corredo e libri – potrebbe raggiungere i 1.130 euro a studente.

Il portale Skuola.net ha condotto uno studio su 3 mila studenti dal quale si evince che le famiglie, quando si tratterà di acquistare i libri per la scuola, punteranno ancora sulla carta e sul nuovo. Ma cercheranno comunque di risparmiare, rivolgendosi ai canali – online e grande distribuzione – in grado di garantire prezzi e sconti vantaggiosi. Senza però tradire completamente il luogo nato per questa missione: la libreria.

Alla fine gli sconfitti sono solo i mercatini, sempre più spopolati, persino per l’acquisto dei testi usati. Saranno infatti circa 2 su 3 i ragazzi che si presenteranno ai blocchi di partenza con tutti (o quasi) i libri freschi di stampa: il 36%, infatti – secondo questa ricerca – dice che cercherà di avere nello zaino solo testi immacolati; il 30%, invece, concederà qualche incursione dell’usato ma per i titoli delle materie meno importanti. Proporzioni che si accentuano ulteriormente nel caso degli studenti delle medie e del primo biennio del liceo dove, rispettivamente, il 51% e il 40% degli iscritti cercherà esclusivamente il nuovo.

Questo perché alla maggior parte di loro (51%) non piacciono libri con sottolineature e annotazioni di altri, mentre il 23% ha paura che, affidandosi all’usato, possa ritrovarsi tra le mani un’edizione vecchia.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione