Coronavirus: votazione docenti online, il collegio si fa su Google Moduli

Stampa

L’idea è stata attuata nell’IIS Assteas di Buccino, sotto il coordinamento della dirigente scolastica reggente Prof.ssa Ornella Pellegrino, i responsabili delle tre sedi sparse sul territorio (prof.ssa Maria Cammardella per la sede di Buccino, prof.ssa Concetta Robertazzi per la sede di San Gregorio Magno e prof. Luciano Fasano per la sede di Oliveto Citra, in sostituzione del prof. Francesco Annunziata) ed attuata dal prof. Armando Pagliara, responsabile del dipartimento scientifico-tecnologico.

“In questa settimana avremmo dovuto chiudere il trimestre – 14 marzo – ed effettuare gli scrutini all’inizio della prossima, ma la grave situazione di sospensione causata dal Covid-19 (coronavirus) ci ha impedito di completare le valutazioni, visto che la sospensione è iniziata durante il periodo di Carnevale e, a parte la breve ripresa di tre giorni nella settimana successiva, non è stato possibile andare avanti”, afferma il prof. Pagliara, “L’unica soluzione possibile era quella di modificare, in corso d’opera, la configurazione dei tre trimestri in una nuova soluzione formata da un trimestre – già chiuso prima della sospensione natalizia – e un pentamestre – che si conclude direttamente a fine anno scolastico.

Per rendere esecutiva una decisione tale, però, c’era bisogno dell’approvazione a maggioranza in una seduta di collegio dei docenti”.

“Poiché le ultime vietano assembramenti di qualunque tipo, quindi anche riunioni collegiali, l’unica soluzione era quella di farla online”.
Il collegio quindi è stato organizzato tramite il tool “Google moduli” che permette di creare questionari di qualunque tipo, memorizzando data e ora, email dell’utente e inviando (in questo caso) una ricevuta dell’avvenuta votazione. Il report della votazione è stato allegato al verbale che ha reso possibile questo cambiamento in corso d’opera.

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì