Coronavirus, Villani ribadisce: “La scuola è un luogo sicuro, si paga la superficialità di altri comportamenti”

Stampa

“La scuola è un posto sicuro e paga i comportamenti di chi vive con superficialità questa situazione. Queste persone sono responsabili della chiusura delle scuole. Per continuare ad andare a scuola è necessario che tutti rispettino le regole”.

Così Alberto Villani, pediatra dell’ospedale Bambino Gesù di Roma e componente del Cts, a ‘The Breakfast Club’ su Radio Capital.

“I bambini si infettano e sono in grado di infettare ma hanno sintomi lievi – spiega il pediatra – eccezionalmente hanno bisogno di essere ricoverati in terapia intensiva e i decessi, per quanto dolorosi, si contano sulle dita di una mano”.

Tornando alle scuole, secondo Villani, “anche quando c’è un caso positivo, i compagni di classe raramente sono anche loro positivi e se lo sono è solo perché hanno avuto contatti stretti in attività extra-scolastiche. Se a scuola tutti indossano le mascherine e sono distanziati, un bambino senza sintomi anche se positivo non è un problema, perché non è contagioso”.

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole