Coronavirus, Vespignani: “Dati imprecisi e tardivi ma li usano tutti i paesi”

Stampa

“Dall’inizio dell’epidemia abbiamo a che fare con dati che lasciano a desiderare” dice in un’intervista a la Repubblica il professor Alessandro Vespignani, che insegna a Boston alla Northeastern University e si occupa di modelli informatici di diffusione delle epidemie

“Ma ci rendiamo conto che raccoglierli è un lavoro complesso – precisa subito dopo – e la situazione è dura per tutti. Sappiamo che questi parametri riflettono una situazione che risale ad almeno una settimana prima. Possiamo cercare di ridurre questo ritardo, ma non eliminarlo”. 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur