Coronavirus, una proposta per aprire la scuola a settembre. Lettera

ex

Inviato da Giovanni Olivierio – Ill.ma Vice-Ministro Dott.ssa Anna Ascani, se si vuole veramente aprire la Scuola pubblica di ogni ordine e grado nel mese di Settembre 2020, bisogna attivarsi subito e proporre che una classe non può più contenere 28-30 alunni in piena emergenza sanitaria di Coronavirus.

Le cosiddette classi “pollaio” non possono essere all’ordine del giorno attuale.

Bisogna rimodulare le classi, non consentendo la capienza massima più di 15- 20 alunni per aula. Dovendo stare distanti, uno dall’altro di un metro, distanza minima consentita, come è possibile “ammucchiare” 30 alunni in una aula di trenta-quaranta metri quadri?.Quindi si pensi al domani, sin da subito, se non si vuole incorrere ad un fallimento certo.

La Scuola deve” rientrare” in classe, la didattica a distanza, non può durare per molto tempo.

Auguri e buon lavoro. Distinti saluti

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia