Coronavirus, Turi (Uil) a Di Maio: garantire dignità a personale scolastico all’estero in quarantena

Pino Turi segretario generale Uil al Ministro degli affari esteri On. Luigi Di Maio – Onorevole Ministro, con la presente sono a sottoporre alla sua attenzione la situazione di estremo disagio in cui stanno trovando i nostri docenti, dirigenti e personale ATA impegnati nelle Scuole Italiane all’estero.

Una funzione delicata dei nostri connazionali che rappresentano il nostro paese e le sue eccellenze all’estero.

Ciò, a causa delle misure di quarantena adottate dalle autorità scolastiche locali in relazione alla diffusione del coronavirus, in molti casi eccessive e non giustificate da effettive esigenze sanitarie.

Inoltre, in diverse situazioni, si evidenziano procedure molto rigide di profilassi, imposte ai docenti italiani anche con gravi limitazioni delle loro libertà personali, situazioni peraltro che, potrebbero compromettere il regolare svolgimento delle lezioni nei prossimi mesi.

Le chiediamo, pertanto, che siano al più presto determinate dal Suo ministero, di concerto con le Rappresentanze diplomatiche e consolari, efficaci risposte alle criticità presenti in molteplici realtà estere e che sia garantita al nostro personale scolastico all’estero l’applicazione di disposizioni sullo stato di quarantena che non abbiano impatto sulla dignità e sui diritti fondamentali dei nostri connazionali.

Certi dell’attenzione che Lei vorrà riservare alla presente, nelle convinzione che i nostri connazionali non siano lasciati soli di fronte a queste difficoltà, Le inviamo i nostri più distinti saluti.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia