Coronavirus: Toccafondi, no alla maturità on-line

Stampa

“Servono subito indicazioni chiare: l’esame di maturita’ e’ un passaggio educativo fondamentale. Per questo la sua organizzazione, seppur nel contesto dell’emergenza sanitaria, deve tutelare il percorso dello studente e garantire verifiche sufficientemente approfondite del suo impegno scolastico”.

Lo afferma Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera. “Per presentarsi all’esame di maturita’ – spiega – i ragazzi hanno studiato a lungo, si sono preparati. La prova orale potrebbe pesare per 50-60 punti su 100 sul voto finale e il restante sulla valutazione del triennio. Il programma dell’orale prendera’ in esame i contenuti studiati in aula e a distanza. Spero quindi che sia lasciata autonomia alle scuole e alle commissioni, e non arrivino troppe indicazioni dal ministero”. “A effettuare l’esame di maturita’ saranno chiamati, dal 17 di giugno, 400mila ragazzi. Le aule vanno sanificate e bisogna pensare all’organizzazione dell’esame ma abbiamo tempo. Il comitato tecnico scientifico si esprima quanto prima, perche’ ai ragazzi va data un’indicazione. Far svolgere l’esame in sicurezza e’ possibile, con la presenza del solo ragazzo oltre alla commissione”, conclude

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur