Coronavirus, studenti: difficoltà con lezioni online, nessuna linea chiara dal Ministero

Stampa

Unione studenti denuncia le difficoltà incontrate per seguire le lezioni a distanza in questa fase di emergenza sanitaria.

Ci vengono segnalate molte difficoltà rispetto alle misure adottate da parte del governo e dal Ministero dell’Istruzione, che non ha dato delle linee guida chiare alle scuole“. Così Giulia Biazzo, coordinatrice nazionale dell’Unione degli Studenti.

La ministra ha dato indicazioni per attivare percorsi di didattica online, ma senza alcuna tutela per garantire il diritto allo studio a tutti coloro che non hanno i mezzi necessari o la connessione internet. Il ministero non ha costruito delle proprie piattaforme online, ma ha lasciato che i privati definissero le metodologie didattiche alternative per gli studenti ed inoltre non è chiaro se e come dovrebbero essere valutati gli studenti, se non esiste chiarezza rispetto ai programmi o agli obiettivi da perseguire“, ha proseguito Biazzo.

È assurdo mettere in quarantena le scuole in zone dove il virus non è un pericolo, quando dovrebbero avere il ruolo di educare alle buone pratiche e di ridurre la psicosi collettiva – conclude Giulia Biazzo – per queste ragioni abbiamo chiesto un incontro alla ministra Azzolina: non è possibile sospendere i diritti fondamentali degli studenti!

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi