Diffusione Covid-19, in classe senza adeguata aerazione dei locali non c’è scampo. Neppure con le mascherine. Lo studio americano

Stampa

Interessante articolo realizzato dal quotidiano spagnolo El Pais, che approfondisce la diffusione del coronavirus nell’aria in luoghi chiusi.

L’articolo analizza tre situazioni molto comuni: una visita in casa di parenti o amici, un pranzo in un ristorante affollato e una lezione in classe.

Per calcolare le probabilità di contagio, El Pais ha utilizzato le simulazioni di un gruppo di scienziati, guidato dal professore José Luis Jiménez (esperto di chimica e dinamica delle particelle dell’aria dell’Università del Colorado).

In un’aula scolastica con 24 alunni e una docente positiva, senza sistema di aerazione la situazione diventa molto pericolosa: se gli alunni passassero due ore in classe senza prendere alcuna misura di prevenzione, il contagio potrebbe raggiungere fino a 12 studenti.

Se nell’aula tutti utilizzassero le mascherine, ma rimanendo senza aerazione, il rischio si ridurrebbe a 5 studenti.

Il rischio viene ad annullarsi quasi totalmente se durante la lezione l’aula viene anche aerata e se ci si ferma dopo un’ora per rinnovare completamente l’aria.

L’ARTICOLO COMPLETO

Covid-19, finestre aperte in classe disperdono fino al 70% del virus. Studio americano

Stampa

L’Eco Digitale di Eurosofia, il 14 dicembre segui la Tavola rotonda:“Didattica a distanza e classe capovolta – Ambienti di apprendimento innovativi”