Coronavirus, scuole chiuse o sospensione attività didattica. Ministra Azzolina avrebbe preferito dicitura più chiara

Emergenza Coronavirus: a fronte della richiesta della Ministra Azzolina di una dicitura chiara per il comportamento da seguire nelle scuole, a spuntarla sono stati i Governatori. 

E così  le Regioni adottano diversi tipi di provvedimenti: in alcune le scuole sono chiuse, in altre sono sospese solo le attività didattiche.

L’argomento è stato affrontato anche ieri durante il confronto al Ministero.

Leggiamo nel report Gilda:  “Le OO.SS. hanno inoltre chiesto chiarezza sull´uniformità delle norme, in particolare per le decisioni sulla sospensione delle lezioni piuttosto che di chiusura delle scuole.

La ministra ha dichiarato che avrebbe preferito che ci fosse solo una dicitura chiara per tutto il territorio nazionale, ma che le regioni hanno fatto in modo diverso.

Per cui là dove le lezioni sono sospese, il personale non-docente è tenuto a recarsi al lavoro mentre là dove le scuole sono chiuse, non c´è obbligo per nessuno.”

Coronavirus, ultime novità: lezioni online nelle Università, istruzioni del Ministero agli Uffici Scolastici. AGGIORNAMENTO

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia