Coronavirus, Ricciardi: “Siamo sul filo del rasoio, rischiamo di ritrovarci come in Francia, Spagna e Gran Bretagna”.

Stampa

“Siamo sulla lama di un rasoio, se non interveniamo subito tra due o tre settimane rischiamo di ritrovarci  come in Francia, Spagna e Gran Bretagna”.

Così in un’intervista a La Stampa, Walter Ricciardi, riguardo al boom dei contagi, aggiungendo che ”siamo sulla
lama di un rasoio. Se non rinforziamo l’attività di testing con uomini e tamponi, se non attrezziamo i servizi sanitari in vista dell’influenza siamo nei guai”.

Un concetto che il consigliere del  ministro della Salute Speranza ribadisce anche al Messaggero,  precisando che ”lo dobbiamo fare rapidamente, perché purtroppo sta arrivando l’influenza: serviranno tutta una serie di quesiti  diagnostici che dovranno scongiurare la paura da parte delle persone di avere il Covid”.

”L’errore maggiore lo hanno commesso personalità illustri della  politica e della scienza alimentando l’illusione che tutto fosse finito e che il virus si fosse attenuato – dice Ricciardi -. Ma se i contagi non si azzerano la curva
epidemica inevitabilmente riprende a salire. Tanto più quando si inducono le persone ad abbassare la guardia. Se non interveniamo  subito, tra due, tre settimane rischiamo di trovarci nella stessa situazione di Francia, Spagna e Gran Bretagna”.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!