Coronavirus, quali prove per esame I grado. Problemi da affrontare

Stampa

Esami di Stato di I grado, come saranno le prove scritte e orali, dopo modifiche annunciate?

Prove esame I grado

Le prove d’esame, in seguito alla riforma introdotta dal D.lgs. 62/2017, sono quelle di seguito indicate.

Le prove scritte, predisposte dalla Commissione, sono :

  • prova scritta relativa alle competenze di italiano o della lingua nella quale si svolge l’insegnamento;
  • prova scritta relativa alle competenze logico matematiche;
  • prova scritta relativa alle competenze nelle lingue straniere, articolata in due sezioni, una per ogni lingua straniera studiata.

Qui per approfondire la prova di italiano, qui per la matematica, qui per le lingue straniere.

Oltre alle prove scritte, gli studenti sostengono la prova orale.

Questione preparazione e tempi

Considerato che non si sa quando e se si rientrerà a scuola, si pone un problema legato al tempo necessario per preparare gli studenti e, in relazione alla durata dell’epidemia, un altro problema legato alle modalità di svolgimento (numero e tipo di prove) dell’esame stesso.

Ipotesi

Riguardo allo svolgimento degli esami, era stava ventilata un’ipotesi, riportata dal Corriere della Sera, in base alla quale l’esame potrebbe consistere in una prova scritta e nell’esposizione di una tesina o addirittura nella sola tesina da esporre oralmente.

Informativa Ministra al Senato

I suddetti problemi saranno a breve affrontati dal Ministero che, come affermato dalla Azzolina, è già al lavoro per predisporre tutte le misure necessarie per intervenire, anche in deroga alle vigenti disposizioni normative, in materia di:

  • valutazione intermedia e finale degli studenti;
  • modalità di recupero degli apprendimenti;
  • requisiti di accesso e struttura degli Esami di Stato, per il I e II ciclo di Istruzione;
  • ridefinizione del calendario scolastico nazionale e dei calendari regionali, nel rispetto delle prerogative delle Regioni.

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”