Coronavirus, proroga supplenza anche se rientra titolare. Non è ancora detta l’ultima parola

Stampa

Una emergenza lavorativa per numerosi docenti che a causa del rientro del titolare e che pochissime altre supplenti vengono conferite in questo periodo di didattica a distanza, si ritrovano senza lavoro.

L’art. 121 del DL 18/20, Decreto cura Italia, se da un lato aveva fatto sperare in una risoluzione positiva della vicenda, in realtà finora ha tutelato solo una parte di quei docenti, ossia quelli per i quali la scadenza del contratto è rientrata nel periodo 17 marzo (data di entrata in vigore del decreto) e il 3 aprile, data di sospensione delle lezioni al tempo in cui è stato approvato il decreto.

Come già spiegato, le funzioni SIDi risultano adesso chiuse e non è più possibile utilizzare il codice codice N19, creato appositamente per gestire questa situazione.

La parola “fine” sembra essere arrivata  con la nota del 5 aprile, ma in realtà in essa si fa rinvio ad un successivo monitoraggio del 15 aprile.

Inoltre il dott. Bruschi autore della prima bozza della nota in cui si affrontava la questione, si è riservato ulteriori approfondimenti sull’argomento [fonte FLCGIL]

Attendiamo quindi un chiarimento definitivo,in grado di fornire alle segreterie scolastiche istruzioni chiare e certe.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur