Coronavirus, Piemonte studia riapertura nidi a giugno: si pensa a genitori che lavorano

Stampa

Riaprire gli asili nido già nel mese di giugno per consentire ai genitori la ripresa dell’attività lavorativa. E’ questa l’ipotesi in campo del Piemonte.

Abbiamo avviato il confronto con l’Ufficio Scolastico Regionale per programmare, nel rispetto delle regole e della sicurezza, la ripartenza degli asili nido a giugno e per prevedere dei luoghi che i bambini possano frequentare mentre i genitori lavorano visto che mancheranno attività di supporto alle famiglie come i centri estivi. Pensiamo ad esempio a delle microcomunità di famiglie“, spiega il rettore del Politecnico Guido Saracco.

Non possiamo non pensare alle famiglie che, se tornano a lavorare, non sanno dove mettere i bambini. Questo è un dovere istituzionale e morale, lo dico anche da papà. Non possiamo pensare che ripartano le aziende senza che riparta un qualcosa di predisposto dalle Regioni o dallo Stato per assistere, per guardare i bambini durante l’orario di lavoro“, concorda il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio.

All’interno della task force del Politecnico è stato creato un team di una decina di persone che si occuperà proprio dello studio delle modalità di riapertura delle scuole, a partire dai nidi che, come le scuole d’infanzia, sono luoghi dove il distanziamento sociale è impossibile. L’assessore alla Scuola del Comune di Torino, Antonietta Di Martino spiega che “entro pochi giorni ci sarà l’individuazione di alcune scuole di ogni ordine e grado, a partire dai nidi, che possono rappresentare casi di studio concreti. Si analizzeranno quindi nel dettaglio simulando flussi di entrata e di uscita, specificità organizzative, orari di lavoro, tipologia del personale. Una simulazione che permetterà di individuare, entro una decina di giorni, delle linee guida che poi dovranno essere adattate alle altre scuole tenendo conto della specificità di ogni realtà“.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur