Coronavirus, Ministero: i viaggi di istruzione vanno sospesi. Comunicato ufficiale

di redazione

item-thumbnail

Incontro al Consiglio dei Ministri sabato 22. Prese 19 misure contro Coronavirus, tra le quali lo stop alle gite scolastiche.

Comunicato Ministero

Il Consiglio dei Ministri, nella serata di sabato 22 febbraio, ha definito apposite misure per evitare la diffusione del Covid – 19 e ulteriori misure di contenimento. Fra le decisioni adottate, anche quelle relative alla sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all’estero.

Il Ministero dell’Istruzione informa che, in attesa dell’adozione formale dell’ordinanza prevista dal decreto approvato in Consiglio dei Ministri, per motivi precauzionali, i viaggi di istruzione vanno comunque sospesi a partire già da oggi domenica 23 febbraio 2020. Si ringraziano le scuole e i dirigenti scolastici per la collaborazione.

Il Ministro su FaceBook

“Le misure approvate consentono la sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione delle scuole, in Italia e all’estero. Una richiesta che ho portato all’attenzione dei colleghi di Governo e che farò in modo di rendere operativa già nelle prossime ore”. Così la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che ha diffuso il suo messaggio su Facebook.

“Una precauzione – prosegue la Ministra – che a mio avviso si rende necessaria in questo scenario. Il Governo e le autorità sanitarie stanno facendo un lavoro serio e scrupoloso tenendo conto di un quadro che muta rapidamente”.

Coronavirus, docenti e ATA a casa: non devono recuperare o giustificare

Coronavirus, chiusura scuole: superata soglia minima 200 giorni? Non c’è obbligo di recupero

Coronavirus, AGGIORNAMENTO: Campania scuole aperte, occhio a fake. Decreto per assenze lavoratori e rinvio concorsi

Coronavirus, Regioni Trentino e Campania: stop a gite scolastiche

Regione Campania: sospendere i viaggi di istruzione, stasera CdM

Coronavirus, scuole chiuse anche in Trentino: stop a gite. Situazione in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione